Artrosi del Ginocchio

Artrosi del Ginocchio

5 Aprile 2019 0 Di admin

Cos’è l’Artrosi

E’ difficile trovare una macchina che continui a funzionare per molti decenni senza mostrare segni di usura mentre il corpo umano, una macchina estremamente complessa, sebbene esposta a diversi eventi negativi fisici e biologici, mantiene perfettamente le sue funzioni per moltissimo tempo ma infine, anche e soprattutto in funzione dell’attività che svolge, mostrerà i segni di usura, soprattutto nelle articolazioni, che si evidenzia con dolore e in molti casi anche con calo di funzionalità.

In questi casi si parla di una malattia che tutti conosciamo anche se ancora non se ne soffre: l’Artrosi. Dell’artrosi tutti sappiamo che è dolorosa e che si può trattare i sintomi ma non la si riuscirà a curare nel senso di eliminarla e tornare alla situazione precedente l’insorgenza. Che cos’è, dunque, precisamente l’artrosi?

Per capirlo occorre fare un attimo il punto sull’anatomia delle articolazioni;un’articolazione è l’unione mobile di due o più ossa del corpo che si uniscono tra loro con la connessione di muscoli e legamenti, tendini che mantengono nella corretta posizione le ossa che si articolano. Le ossa presentano superfici ruvide, per cui il movimento tra loro sarebbe ostacolato dall’attrito se non ci fosse la presenza, ai capi delle ossa, di un particolare tessuto liscio e resistente chiamato Cartilagine.

La Cartilagine particolarmente liscia, riduce notevolmente l’attrito nel movimento tra le ossa ma per rendere ulteriormente agevole il movimento, tra le cartilagini si trova un liquido che funziona un po’ da lubrificante, come fosse l’olio tra due elementi meccanici, il cosiddetto “Liquido Sinoviale”.

Per tornare al ginocchio che è il protagonista del nostro articolo, questa importante articolazione che sostiene il peso del corpo e permette di camminare, mette in connessione due importanti ossa, il femore e la tibia, con un terzo osso interno al ginocchio stesso, una specie di rotelle che facilita il movimento chiamato rotula o patella, dalla sua forma tonda e appiattita.

Cosa accade nell’artrosi

Come qualsiasi parte in movimento, anche il ginocchio va incontro ad usura e degenerazioni materiali manifestando tale condizione con un aumento dell’attrito che provoca dolore. L’artrosi, quindi, si può definire come un processo di usura o degenerazione delle cartilagini che ricoprono i capi ossei o, nel caso del ginocchio, della rotula.

Le cause dell’artrosi possono essere molteplici, la più frequente è senza dubbio proprio la senescenza, l’usura nel tempo, inesorabile ma ci sono anche cause traumatiche, colpi all’articolazione che provocano lesioni della cartilagine ma in questo possono rientrare anche i microtraumi continuati di cui non ci si accorge, l’attività sportiva intensa: correndo, ad ogni saltello della corsa si produce un carico dell’articolazione, come se ad ogni passo di corsa l’articolazione subisse una piccola “botta”.

Poiché le ginocchia sostengono il peso del corpo e lo mettono in movimento, il sovrappeso provoca un’usura più rapida. Sull’artrosi incede anche l’alimentazione che può iperacidificare il sangue e altre malattie reumatiche, infiammatoria come anche, ad esempio, la gotta, il deposito di cristalli di acido urico nell’articolazione. Così come l’eccesso di movimento, anche quello troppo scarso può incidere nell’insorgenza dell’artrosi del ginocchio, poiché senza sollecitazione il liquido sinoviale viene prodotto troppo scarsamente.

Ci si accorge dell’insorgenza dell’artrosi solo nel momento in cui si produce il dolore ma a quel punto la degenerazione è già in fase avanzata e difficile da trattare. La cura consiste nel riposo e in farmaci antinfiammatori oltre eventualmente ad antidolorifici ma non è una vera cura, si trattano, di fatto solo i sintomi o poco più.

Utile l’applicazione del ghiaccio sull’articolazione, potente antinfiammatorio ma anche una ginnastica dolce, preferibilmente in acqua è utile mentre sono sconsigliati i massaggi che potrebbero generare una maggiore infiammazione.  L’ortopedico, lo specialista di riferimento, potrà decidere di fare delle infiltrazioni, l’iniezione di un farmaco direttamente nell’articolazione, un trattamento che può dare notevole sollievo anche duraturo.